Il Progetto Eco CFRP - Componenti e semilavorati per l’aereonautica da fibre di carbonio da riciclo

Lo sviluppo di materiali compositi innovativi per il settore aereonautico, mediante l’impiego di fibre di carbonio da riciclo (RCF) nella forma di tessuto non tessuto (TNT), questo l’obietto del progetto Eco CFRP, finanziato da Regione PUGLIA mediante il bando  “INNONETWORK - sostegno alle attività di  R&S per lo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, di nuovi prodotti e servizi, con un contributo totale di € 505.000, che partirà entro il 2018 e durerà 18 mesi, eventualmente prorogabili a 24. I nuovi materiali sviluppati serviranno per la realizzazione di un componente strutturale di un sedile per aeromobile.

 

Le fibre di carbonio provengono allo stato attuale da un processo di riciclo, attraverso pirolisi e gassificazione, di rinforzi di carbonio post-industriali del settore aereonautico, quali fibre secche, prepreg non polimerizzati, materiali compositi polimerizzati, tipicamente a matrice termoindurente.

 

Le attività riguarderanno:

 

  • l’ottimizzazione del processo di recupero di fibre di carbonio attraverso processi di pirolisi e gassificazione finalizzata alla riduzione dei contaminanti ed alla ridotta diminuzione delle prestazioni meccaniche  rispetto a quelle vergini per renderle idonee al successivo processo di realizzazione di TNT;
  • lo sviluppo del processo di realizzazione di TNT a base di RCF. Le architetture tessili prodotte dovranno soddisfare i requisiti prestazionali richiesti dall’applicazione di interesse e al contempo poter essere processate con tecnologie di infusione liquida;
  • lo sviluppo e messa a punto di processi di infusione liquida per la realizzazione di materiali compositi a base di RCF;
  • la progettazione, realizzazione e validazione di prototipi di componenti per interiors con prestazioni fisico-meccaniche richieste dalle normative di settore;
  • lo sviluppo di un sistema per la tracciabilità dei materiali/semilavorati/prodotti ottenuti a partire da RCF, indispensabile per il loro utilizzo nel settore aereonautico.

Oltre ad ENEA, i partner del progetto sono: il capofila Karborek RCF S.r.l, Giannuzzi srl, Sinapsi S.r.l, Micad S.r.l.

Responsabile scientifico di progetto per ENEA è l’ing. Flavio Caretto del Laboratorio Materiali Funzionali e Tecnologie per Applicazioni Sostenibili di Brindisi.